Vai al contenuto
Home » Blog » Una proposta senza… parole

Una proposta senza… parole

Era già tardi e in più ci si era messo anche il meteo!

-“Con questo traffico, la pioggia e la giornata al lavoro se penso che è solo lunedì vorrei scomparire!”-

Sofia era davvero di cattivo umore, i pensieri le rimbombavano in testa e si mescolavano con il tintinnio delle gocce sul parabrezza.

Dopo più di mezz’ora rispetto al tempo che normalmente impiegava per tornare dal negozio dove lavorava come commessa, arrivò a casa e parcheggiò di traverso la peugeot in maniera frettolosa.

-“Quella cretina….. non solo mi ha fatto svuotare tutto lo scaffale dei jeans, si è addirittura permessa di criticarmi perchè una persona che sta al pubblico dovrebbe essere più sorridente secondo lei!

COME NO!!!

SOPRATTUTTO 10 MINUTI PRIMA CHE CHIUDE IL NEGOZIO!!!

Io veramente….”-

-“Ciao amore! Cos’è quell’aria incavolata?”-

-“Francè, non ti ci mettere anche tu eh!”-

“Apposto…. speriamo bene…” pensò un po’ preoccupato….

-“Ho capito… giornata di EMME eh? Dai mettiti comoda che ti ho preparato uno dei tuoi primi preferiti: linguine risottate con gamberi argentini e lime!” – disse Francesco con il più caldo dei sorrisi mentre le strizzava l’occhio.

Sofia sbuffò ma già si sentiva meglio… l’aria di casa e la pioggia che era rimasta chiusa fuori le piacevano, oltre che la deliziosa cena preparata dal suo amorevole compagno.

Il tempo di infilarsi i fuseaux, un maglioncino beige, fare la coda e lavarsi le mani bastarono a Francesco per impiattare la sua creazione.

Sedendosi a tavola però, notò subito che il tovagliolo era stato piegato in stile “grande ristorante” e che la forchetta al suo interno, di cui sbucavano timidamente solo le quattro punte, era di un colore diverso dal solito..

– ” hai comperato delle posate nuove?”

Francesco rimase in silenzio sorridendo un po’ imbarazzato. Il cuore gli stava esplodendo ma riuscì a non far trapelare nulla.

Sofia sorrise, il profumo del piatto appena cucinato le aveva fatto venire una fame da lupi! Sfilò graziosamente la forchetta dal tovagliolo ma all’improvviso tutto il mondo si bloccò, mentre guardava con occhi sgranati una bellissima forchetta color oro e argento su cui era stato inciso un messaggio inequivocabile…

-VUOI SPOSARMI?-

A passare dallo stupore ad un pianto di felicità ci vollero solo pochi istanti…

-SI CHE LO VOGLIO! SI CHE LO VOGLIOOOOOOO!!!!-

Si gettò letteralmente dalla sedia su Francesco seduto accanto a lei, stringendo la forchetta come se temesse che qualcuno gliela strappasse dalla mano, piangendo e ridendo allo stesso momento.

-“Volevo trovare un modo originale per chiedertelo… mi sembra che ci sia riuscito…”- le disse mentre la guardava emozionato e felice.

E mentre la pasta si raffreddava i due amanti rimasero abbracciati e posarono ancora una volta lo sguardo su quell’oggetto, così semplice e straordinario allo stesso tempo….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *